colore


rosso

bruno

consistenza

blu

oscurità

luce

ombra

verde

iridescente

oro

giallo

materia

  John Christie | John Berger
 
 
>22.10.1997:

Sono mesi che cerco di scrivere questa lettera. Il lavoro, la stanchezza, a volte entrambi hanno fatto sì che rimandassi. Avrei anche voluto preparare un nuovo libretto ma per questo dovrai aspettare ancora un po'. E' come avere una parola sulla punta della lingua che si rifiuti di venire fuori. Voglio che sia un libro sulla luce, che usi il giallo per descrivere il viaggio dall'oscurità alla luce, dalle caverne all'aria aperta.

Andrè Breton suggeriva di muoversi "dalla sostanza alle ombre", questo sarà un viaggio nella direzione opposta, dalle ombre alla materia, anche se intangibile come la luce.

Ho trovato questa bellissima citazione di Ezra Pound:
"Propriamente dovremmo leggere per il potere. Un uomo che legge dovrebbe essere un uomo intensamente vivo. Un libro dovrebbe essere una sfera di luce nelle mani di chi legge. "

Il mio problema con questo libro sembra essere sostanzialmente scriverne il testo, cosa che mi riesce sempre difficoltosa, e che inevitabilmente finisco per risolvere citando altri. Naturalmente non sono solo in questa pratica, Octavio Paz dice che "L'espressione più vivida e perfetta del nostro tempo, in filosofia come in letteratura e nell'arte , è il frammento. Le grandi opere del nostro tempo non sono blocchi compatti, ma piuttosto totalità di frammenti, costruzioni in perpetuo movimento sotto le stesse leggi di complementarietà degli opposti che regolano le particelle in fisica."

Per aiutarmi in questo viaggio dall'oscurità alla luce ho fatto due cose.
La prima è stata di visitare le grotte di Chauvet. Ho deciso di studiare le figure del mio libro di notte, al buio. Guardandoli attraverso la luce di una fiamma per sottrarli alla piattezza delle fotografie uniformemente illuminate e immaginare coloro che li hanno disegnati mentre li ritraevano attraverso la memoria alla luce di fiaccole tenute accese da altri che stavano a guardare. Ho immaginato lo sguardo stupefatto degli aiutanti come le forme delle creature selvatiche del mondo esterno sono riapparse davanti a loro. Le macchie e il vacillare di quella luce , le ombre, che fanno danzare le nuove immagini e riportano alla vita quelle più antiche, appena intraviste nella penombra intorno a loro, quando la luce, muovendosi, le cattura.
....
Forse la parola per questa oscurità, l'oscurità di Chauvet istoriata di immagini, potrebbe essere: memoria.

La seconda cosa che ho fatto è stato dipingere direttamente sulle pareti del mio soggiorno.

Una mattina, agli inizi d'agosto, ho visto, al sorgere del sole, la sagoma di uno dei lucernari muoversi lentamente lungo la parete di fondo della stanza. Alle otto e mezza la macchia di luce era in una posizione così bella che ho preso una scala e ne ho disegnato il profilo. Più tardi ho dipinto la forma romboidale in giallo, traccia e memoria di quella macchia di luce.

J.C.

 
 

two patches of sunlight
dicembre 1997
12 pagine 120x150 mm
1 pagina 420x580 mm
acrilico, fotocopie a colori

 
 prf1 | prf2 |
 
 credits

J. Berger , J. Christie - I send you this cadmuinm red
Actar - Barcellona