colore


rosso

bruno

consistenza

blu

oscurità

luce

ombra

verde

iridescente

oro

giallo

materia

  John Christie | John Berger
 
 
>28.12.1997:

Ho pensato alla macchia di luce sulla parete e al fatto che l'hai colorata di giallo (ma anche ad Alice nella sua culla).

Il giallo che hai dipinto è come un nome che hai dato alla luce, no? Nessun colore rappresenta la luce. La luce voterebbe per non averne nessuno. O forse per il nero - poichè il nero, per contrapposizione, fa davvero immaginare (desiderare ndt) la luce. In ogni caso il giallo è un bellissimo nome, da mettere in alto su una parete.

Dietro al nero c'è la luce. E qualcosa di simile accade con ogni altro colore. Non è forse il colore sempre dietro a ciò che vediamo ? Sul lato più lontano?

Il vero rosso è oltre questo
Il terra bruciata ci mostra la schiena
Il più blu dei blu (ultramarino che odora di foglie marcite) è dall'altra parte, no?

Anche il giallo è solo qualcosa che copre il giallo definitivo.

E come se ogni colore (e in particolare quelli puri) aspettassero di svelare le cose o di essere svelati. Forse solo il color oro è speciale (associato al magico e al sacro) proprio per il suo essere un eccezione. L'altro lato dell'oro è uguale a quello da questa parte. L'oro è nudo dall'inizio. Solo l'oro.
..
L'oscurità è come il silenzio, L'uno è madre del suono come l'altro è madre del colore. (penso ad Alice nella culla)
...
L'altra notte a nevicato un poco. Proprio appena. E non fa freddo. Così questa mattina, sotto gli alberi spogli nei campi imbiancati, non c'era neve, perché i rami erano stati un riparo sufficiente al terreno così che ogni albero sembrava avere un ombra verde. Un ombra d'erba.

J.B.

 
 
 
 prf1 | prf2 |
 
 credits

J. Berger , J. Christie - I send you this cadmuinm red
Actar - Barcellona