colore


rosso

bruno

consistenza

blu

oscurità

luce

ombra

verde

iridescente

oro

giallo

materia

  John Berger
 
 
>20.1.1998:

Credo che la questione attorno al verde - e potrebbe essere anche il motivo per cui notoriamente è difficile usarne tanto in una pittura - sia legata al fatto che è un colore temporaneo. Non in senso tecnico ossia che sbiadisce ma nel senso metafisico di essere un ospite.. E' liquido, oscillante, mobile, pulsante.

Certo. Esiste un sempre-verde che suggerisce l'opposto ma il sempre-verde è mischiato al nero quindi diventa un colore minerale.

I colori primari sono colori permanenti, sono naturalmente sempre-giallo, sempre-rosso, sempre-blu. Ma non il verde. (giallo, rosso , blu sono riconosciuti astratti, il verde come legato ad un processo ndt). Forse l'unico colore che appare e si dissolve allo stesso modo è un certo tipo di rosa. (il rosa che ottieni da carminio e il bianco, il rosa delle piante dei piedi dei bambini che non hanno ancora visto la luce del sole - guarda quelli di Alice e dalle un bacio).

Esistono smeraldi e malachiti verdi come foglie. Eppure ti aspetti che cambino colore non appena distogli lo sguardo. In alcuni luoghi il mar Egeo è di un verde smeraldo e se ne resta sorpresi perchè lo rimane ogni giorno. Eppure il blu del cielo sopra quel mare lo accettiamo come ovvio, così come non ci sorprendiamo del permanere del rosso di una terracotta.

Certamente ciò che dico potrebbe essere tacciato di soggettività. Ma forse è qualcosa di più complesso di questo. Verde è il colore della clorofilla da cui deriva il naturale essere verde delle piante (l'energia che assorbono dalla luce del sole però è soprattutto nelle parte finale rossa dello spettro)
...
Per questo verde è il colore della vitalità - in contrasto con la morte- il colore di un ospite.

J.B.

 
 
 
 prf1 | prf2 |
 
 credits

J. Berger , J. Christie - I send you this cadmuinm red
Actar - Barcellona